Coltivazione e raccolta del cacao

Coltivazione e raccolta

La coltivazione e la raccolta del cacao sono attività che richiedono profonde conoscenze tecniche e di agronomia. la coltivazione del cacao non è dunque qualcosa che si improvvisa ma necessita di un insieme di conoscenze sistemiche. Per avere una coltivazione e, successivamente, una raccolta ottimale è necessario saper scegliere il luogo adatto e questo dipende da fattori quali il clima e il suolo. E il fatto che la coltivazione del cacao avvenga solo in zone ben determinate è la dimostrazione di quanto questi fattori siano essenziali per ottenere un buon prodotto.



Fattori importanti

Molti sono i fattori da tenere in considerazione per poter realizzare una coltivazione ottimale e una soddisfacente raccolta di cacao. I tecnici sono soliti parlare di fattori diretti e fattori indiretti. A loro volta i fattori diretti si possono suddividere in fattori atmosferici e del suo. Con il termine atmosferico è abbastanza intuitivo parlare di temperatura, pioggia, velocità del vento e luce del sole. per quanto riguarda l'importanza del suolo è importante tenere conto della sua temperatura, componente di acqua e principi nutrienti in esso presenti. Con fattori indiretti gli esperti di coltivazione e raccolta del cacao intendono la latitudine, la topografia e, soprattutto la quantità di precipitazione.

lavorazione cacao

L'importanza della temperatura e delle piogge

Ecco uno degli elementi più importanti per poter avere una buona raccolta di cacao: la temperatura. L'ideale è una temperatura media che oscilli tra i 24,5° C e i 25,5° C. È importante considerare che la situazione ottimale è quella in cui vi è una sorta di equilibrio tra costanza della temperatura e variazione della temperatura medesima. Molti agronomi sostengono che una fluttuazione della temperatura ottimale è di circa 9° C; cosa che consente il miglior controllo dello sviluppo della pianta di cacao. Il motivo per cui il cacao dominicano è tra i migliori al mondo è dato proprio dal fatto che queste caratteristiche qui sono perfettamente rispettate.

Altrettanta importanza, per coltivazione e raccolta del cacao, è data dalla quantità di precipitazioni. In linea di massima le piogge nelle zone di coltivazione del cacao variano tra i 1200 e i 2500 mm e tra i 1000 e i 1500 mm a seconda dell'umidità. Nelle maggior parte delle zone di coltivazione la quantità di pioggia e superiore alla evaporazione e alla traspirazione ciò significa dover prestare particolare attenzione a come questa acqua viene eliminata dal momento che le piante di cacao sono sensibilissime sia agli eccessi sia alle carenze di acqua. Per questo motivo è necessario valutare con attenzione anche questo elemento quando si pensa ad una coltivazione di cacao.

Suolo

Ed ecco quello che, per certi aspetti, è il fattore più importante per tutte le coltivazioni quindi anche per la coltivazione e la raccolta di un buon cacao: il suolo. La sua composizione deve essere un giusto mix di componenti naturali, residui organici e microorganismi. Per questo motivo la valutazione necessaria a stabilire se un suolo è ottimale alla coltivazione del cacao richiede studi seri e approfonditi che stabiliscano anche le sue caratteristiche fisiche e chimiche. In Repubblica Dominicana si effettuano studi molto accurati in tal senso, vista l'importanza economica che riveste la coltivazione del cacao. Ed è anche per questo motivo che il cacao dominicano è tra i migliori al mondo.

Principi base di coltivazione

Non possiamo certo scrivere un trattato di agronomia ma vogliamo dare qualche indicazione su quelli che sono i principi base della coltivazione del cacao per avere una raccolta ottimale. Ciò che è certo è che una cosa imprescindibile per tutti i coltivatori è questa: non si può fare una buona coltivazione di cacao senza ombra. Un'eccessiva esposizione al sole delle piante di cacao produce un generale indebolimento delle stesse, con desfoliazione dei rami e abbassamento generale della produzione. Per questo motivo le giovani piante di cacao vengono fatte crescere vicino a piante ombrose come i banani, per esempio. L'ombra, con la sua naturale regolazione del calore è un fattore di estrema importanza nella coltivazione del cacao dal momento che influenza moltissimo l'efficienza di molti degli essenziali processi fisiologici della pianta del cacao.

Fioritura

E prima del magico momento della raccolta, ecco la fioritura. L'albero del cacao ha sostanzialmente due cicli annui di fioritura. È il momento in cui piccoli fiorellini con cinque petali spuntano sui rami. I fiori bianchi sono femmine e quelli rosa sono maschi. Essi saranno quindi fecondati. La fecondazione può essere naturale o manuale. Ma non tutti daranno vita alla bacca di cacao o cabossa: una specie di melone verdastro di forma ovoidale. Dopo circa sei mesi queste cabosse maturano passando dal verde ad un colore giallo-arancio. A questo punto comincia la raccolta delle bacche: raccolta che deve essere fatta con estrema attenzione per non rovinare i rami degli alberi. Poi vengono lasciate maturare per alcuni giorni dopo la raccolta. Poi la buccia esterna deve essere incisa con un apposito lungo coltello. La tecnica a questo punto è fondamentale: il movimento con cui vengono incise deve essere preciso per non tagliare le fave. Solitamente queste raccolte avvengono due volte l'anno.

fioritura cacao

(1) Commenti

Mattia
20 settembre 2018, 17:30
Salve vorrei investire comprando un appezzamento di terreno per farlo coltivare con il cacao vorrei sapere il costo di tutto quello che ci sta dietro
Grazie mille

Scrivici se hai domande o commenti sul Cacao

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *

Email *

Commento